Territorio » Tremosine sul Garda » Punti di interesse » Eremo di San Michele

EREMO DI SAN MICHELE

Chiese a Tremosine sul Garda

L'Eremo di San Michele a Tremosine è un luogo ricco di forte spiritualit à e misticismo. Esso è attualmente affidato ai frati francescani, ma la sua origine è antichissima. Già la posizione in cui è situato è indicativa delle circostanze che portarono questa chiesa ad essere costruita e a diventare nel tempo uno dei luoghi più suggestivi della devozione lacustre. Il santuario infatti è situato nei pressi di una mulattiera nella valle di San Michele, ai piedi del monte Tremalzo all`interno del parco dell'Alto Garda Bresciano. Alcune ipotesi sogliono far risalire questo luogo all'epoca longobarda, San Michele Arcangelo infatti venne assunto da queste genti quale loro protettore dopo la conversione al cristianesimo avvenuta nell'VIII secolo d.c. Va ricordato comunque che un tempo queste zone erano per lo più abitate da carbonai e lavoratori delle fucine, persone che utilizzavano il fuoco, per le quali San Michele rivestiva una particolare importanza; va quindi probabilmente legato anche a questo fatto di intensa devozione, l'intitolazione della chiesa al protettore di chi, per lavorare, era tenuto ad utilizzare il fuoco. Ad ogni modo anche l'eremo di San Michele subisce nel corso del tempo diverse modifiche, il santuario è infatti ad aula unica con terminazione absidale poligonale ma la piccola chiesa in questione risale al XII secolo. Ciò è possibile stabilirlo grazie all`analisi della muratura che permette di constatare la presenza di un utilizzo di una tecnica costruttiva più antica rispetto a quella utilizzata per realizzare la chiesa attuale, risalente invece al XIV secolo. Per una datazione della chiesa al periodo alto medievale concorrono inoltre i ritrovamenti di alcune ceramiche appartenenti a questo periodo. Nel 1679 poi, venne aggiunta alla chiesa il romitorio, tuttora esistente, per opera di un prete veronese, Florenio Feliberi che qui visse e morì.(credits Arianna Florioli)

CONDIVIDI CON:
inLombardia | Regione Lombardia