Territorio » San Felice del Benaco » Punti di interesse » Isola del Garda

ISOLA DEL GARDA

Siti d`interesse a San Felice del Benaco

INDIRIZZO
Via Fornella, 1,
25010 San Felice del Benaco

CONTATTI
Telefono: +39 328 612 6943

WEB

Nel corso dei secoli l’isola del Garda, attualmente proprietà della famiglia Cavazza, ebbe vari nomi legati quasi sempre ai diversi proprietari: insula Cranie, isola dei Frati, isola Lechi, isola Scotti, isola de Ferrari e più tardi isola Borghese. Pur non trovando precisi riferimenti negli scritti latini, non vi è dubbio che già al tempo dei romani fosse abitata; lo comprovano le 130 lapidi Gallico-Romane ivi trovate e donate al museo Romano di Brescia da parte del conte Luigi Lechi. Abbandonata a se stessa nei secoli di decadenza dell’Impero Romano, venne adibita a riserva di caccia fino all’ 879. Lo stesso anno di ritorno dall’oriente attraverso l’Albania e la Dalmazia, S. Francesco d’Assisi visitò molti luoghi dell’Italia settentrionale compreso il lago di Garda, anticamente denominato Benaco. Così lontana dal mondo l’isola parve a S. Francesco luogo ideale per i suoi frati; Biemino da Manerba, attratto dal carisma del santo, gli donò parte dell’Isola. San Francesco vi istituì un semplice romitorio nella parte scogliosa a nord. I frati non abbandonarono mai questo luogo solitario nonostante le continue incursioni di soldatesche Bresciane, Veronesi e Mantovane. L’edificio estremamente complesso ha una sua unità stilistica e una rara imponenza. Le facciate sono decorate da finestre ad arco acute e nell’angolo sud ovest si erge una torre coronata da merlature a ricamo in pietra con decorazioni floreali in stile neogotico. Dopo la morte dell’Arciduchessa, l’isola passò in eredità alla figlia Anna Maria, sposa del Principe Scipione Borghese di Roma. Anna Maria amò molto l’isola e ne fece la propria dimora sino alla fine della sua vita, curandone il parco e i ricordi di famiglia. Nel 1927, alla morte del Principe l’Isola passò in eredità alla figlia Livia, sposata con il Conte Alessandro Cavazza di Bologna mantenendola in ottimo stato per lasciarla in eredità al figlio Camillo che la lasciò a sua volta alla moglie Charlotte ed ai sette figli. Questi oggi continuano ad occuparsi con passione del parco e del palazzo che abitano.

CONDIVIDI CON:
inLombardia | Regione Lombardia