Territorio » Padenghe sul Garda » Punti di interesse » Pieve di Sant' Emiliano

PIEVE DI SANT' EMILIANO

Chiese a Padenghe sul Garda

INDIRIZZO
Via Sant' Emiliano,
25080

La pieve di Sant`Emiliano Padenghe è attestata già a partire dal 1145, all`interno di una bolla di papa Eugenio III quando fu da egli inclusa nell`elenco delle fondazioni sottoposte al vescovo di Verona. L`edificio sorge su un rilievo collinare, nei pressi di uno snodo viabilistico vicino all`antica via brixiensis. Il complesso di Sant`Emiliano è composto da chiesa e corpi di fabbrica secondari realizzati utilizzando ciottoli di pietra morena e conci di diversa misura. L`insieme delle costruzioni è disposto attorno ad un piccolo cortile, e tutto ciò fa presupporre che un tempo vi risiedesse una piccola comunità clericale dedita sia a funzioni liturgiche che agricole. La chiesa ad ogni modo, è ad aula unica con pianta rettangolare e abside semicircolare, è dotata di facciata a capanna e ha la porta di ingresso con stipiti, architrave e lunetta in marmo rosso di Verona; anche le strombature delle monofore dell`abside vengono inoltre ricavate con lo stesso tipo di pietra. La pieve internamente si presenta spoglia, anche se originariamente l`edificio doveva essere intonacato. Allo stato attuale si distinguono solo una serie di archetti pensili leggermente aggettanti disposti lungo l`abside, sotto la copertura in laterizio, mentre all`interno, sulla parete meridionale sono state ritrovate esigue tracce di affresco di difficile datazione.

La pieve in ogni caso attrae molto anche per il forte senso di raccoglimento religioso che promana, quest`ultimo è incoraggiato anche dal sapiente uso della luce che viene fatto all`interno della chiesa. Essa infatti è illuminata solo da tre piccole monofore presenti nella muratura dell`abside e da un`apertura circolare disposta in alto sulla facciata. Esternamente si innalza anche un piccolo campanile a vela, elemento solitamente presente in complessi pievistici e contraddistinto, come l`intero complesso, dalla giustapposizione di conci di pietra, ciottoli e malta.

(credits Arianna Florioli)

CONDIVIDI CON:
inLombardia | Regione Lombardia