Territorio » Padenghe sul Garda » Punti di interesse » Chiesa Parrocchiale di Santa Maria

CHIESA PARROCCHIALE DI SANTA MARIA

Chiese a Padenghe sul Garda

a Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Padenghe venne eretta durante il XVII secolo e risulta essere importante non solo per le pregevoli opere d`arte che essa contiene, ma anche per la conformazione architettonica che la caratterizza, atta a restituirci l`immagine di una chiesa dalle forme robuste ed eleganti. La facciata infatti si presenta suddivisa in due zone: in basso abbiamo la presenza del portale in legno, contornato da stipiti in pietra e sormontato da una sorta di lunetta interrotta al centro da una decorazione aggettante. Sempre in questa zona, oltre alla presenza di due statue di santi, vi sono quattro lesene, quelle poste agli angoli piegate a libro, tutte comunque collocate sotto la trabeazione che divide questo primo piano dal secondo più alto. Anch`esso, seppur in formato minore, presenta delle lesene, questa volta pose sotto il frontone, che, assieme alle volute di raccordo, poste per non far percepire lo scarto che avviene tra primo e secondo piano, percepibile invece lungo le fiancate, decorano e incorniciano sapientemente la zona superiore sulla quale si aprono tre piccole finestre. Notevole è poi la torre, dotata, oltre alla cella campanaria soprastante, anche di bifore e di archetti pensili e di merlature che ne accrescono l`aspetto decorativo ed estetico. L`interno si presenta invece vasto e ampio, arricchito dai dipinti di Zenone Veronese, che realizza una Madonna col bambino e santi, Paolo Farinati, che affronta lo stesso soggetto, Francesco Paglia e Francesco Giugno. Molto belle sono inoltre le sculture lignee di Beniamino Simoni, che per la parrocchia appronta un gruppo raffigurante la deposizione, dove, oltre alla ottima resa formale e anatomica traspare tutto il pathos e la commozione dei personaggi implicati nella scena, e le opere di Antonio Callegari, che colpiscono per la squisita raffinatezza ed eleganza. (Credits Arianna Florioli)

CONDIVIDI CON:
inLombardia | Regione Lombardia